lunedì 3 luglio 2017

Recensione 2017 #17 - Io sono Buio


“So the question becomes, Daughter of the Dragon, what will you sacrifice? What will you let be taken away so that you, too, can have power?”
Follow my blog with Bloglovin

Di ritorno da una breve vacanza in Italia (Frascati, Avezzano, Pescina, fantastici luoghi da scoprire) mi accingo a questa recensione; con il cuore un po' malandato e triste, vogliate scusare la mia malinconia (tornare a casa è sempre bello ma poi non vorresti mai andartene), in aereo ho terminato questa fantastica lettura.
La consiglio a tutti, è davvero avvincente e interessante.


TITOLO: Io sono buio: And I Darken
AUTORE: Kristen White
SERIE: The Conquerors Saga #1
LINK: AMAZON // +Add Goodreads
SINOSSI:Una principessa non dovrebbe essere brutale. Ma Lada, figlia di Vlad Dracul, è diversa da ogni altra: affamata di potere fin da piccola, preferisce la lotta e i coltelli alle bambole. L'esatto contrario del fratello Radu, dolce, bellissimo e delicato come un bocciolo di rosa. Quando i due vengono lasciati in ostaggio dal padre, ancora bambini, al sultano dell'Impero Ottomano – prigionieri di un sovrano crudele e sottomessi a una cultura completamente diversa dalla propria – Lada inizia a progettare la sua spietata vendetta. Mentre la ragazza si prepara a combattere, il figlio del sultano Mehmed si mette tra lei e il fratello, spingendoli a diventare rivali. E in questo triangolo avvelenato forze potenti tendono gli animi: desideri di riscatto, gelosie tremende e un'ambizione sfrenata. Avvolta in un vortice di passioni turbinose, Lada si troverà di fronte alla scelta più difficile: portare a termine il suo piano o arrendersi all'unico nemico che forse non è in grado di sconfiggere, l'amore.




Ambientato nel XV secolo, tra impero Ottomano e Valacchia, Io sono Buio è una vera e propria rivisitazione della storia di Vlad l'Impalatore.
E non sto parlando di poche nuove pennellate per romanzare quella che è parte integrante della storia della Valacchia, ma sto parlando di un vero e proprio reteller e, come l'autrice stessa afferma, non solo Vlad l'Impalatore per la prima volta veste panni femminili ma avvenimenti e figure storiche sono intrecciati tra loro senza per forza essere connesse cronologicamente... ma a noi questo interessa poco!
Io sono Buio è un romanzo che ti tiene incollato alle sue pagine, avvincente, brutale, reale ma anche romantico e passionale, in un modo tutto suo.
Protagonista indiscussa della storia è Ladislav - ovvero Vlad l'Impalatore - accompagnata dal co-protagonista Radu, suo fratello minore.
Nella prima parte del romanzo possiamo apprezzare la storia di Lada e Radu da bambini, entrambi impegnati a ricercare l'amore di un padre che in realtà non li apprezza e anche un posto in un mondo dove perfino la madre li ha rinnegati (ogni pagina infatti è pregna di questo sentimento di abbandono dove la terra diventa la madre, o una semplice bambinaia incarna il desiderio d'amore di un bambino bisognoso d'affetto).
Lada però, selvaggia e violenta, riesce a smuovere qualcosa in Vlad, mentre Radu, delicato e bellissimo, è quasi motivo di vergogna per il voivoda valacco, tanto che a stento questi lo degna di uno sguardo.
Come dicevo, il leit-motiv dei due fratelli è semplice: come ogni bambino infatti, c'è la volontà di brillare agli occhi del padre, Vlad, di guadagnarsi il suo orgoglio. Ed è sempre questo che li porta a muoversi, avvicinarsi e allontanarsi tra di loro; è una costante anche quando, ormai compreso l'abbandono da parte di Vlad (che prima li lascia come pegno al sultano ottomano e poi si rivolta all'impero che ha in custodia i suoi figli, decretandone la morte), Lada e Radu, non gettano la spugna ma anzi, il loro punto focale, l'attenzione e il desiderio di amore e approvazione non mutano ma cambiano solo il loro fulcro: Mehmet, terzo figlio del sultano ed erede al trono ottomano, diventa la loro odiata/desiderata ossessione. E' strabiliante come l'autrice riesca a rendere i sentimenti dei protagonisti in ogni momento, dall'infanzia all'adolescenza e come il rapporto con Mehmet, che dovrebbe solo essere loro nemico, muti assieme col passare degli anni, trasformandosi da diffidenza ad amore incondizionato.
Inutile dire che la parte storica, sebbene molto rivisitata, sia una componente fondamentale di questo racconto ma è anche vero che la White riesce a dare carattere a personaggi di cui sappiamo poco e niente, come lo stesso Radu, contestualizzandoli in un mondo non semplice da immaginare e rendere su carta.
Il libro è molto lungo ma si legge davvero velocemente, complice la curiosità che quest'opera riesce a instillare pagina dopo pagina. Ho scoperto inoltre che si tratta di una trilogia e... non posso lasciarmela scappare.
Menzione speciale comunque va fatta alle figure femminili di Io sono Buio, la maggior parte forti, irrefrenabili, magistrali burattinaie in questo mondo di uomini che credono di avere il potere ma che in realtà, se andassero a scavare in profondità, si renderebbero conto di non possedere.
Insomma un libro che cattura, che tiene con il fiato sospeso e che instilla curiosità e, parlo per me, un libro che mi ha tormentata nei momenti di libertà dalle sue pagine, tanto da portarmi a comprare volumi su volumi sulla storia valacca e ottomana.
Le cover di entrambe le versioni (italiana e straniera) sono stupende e davvero, non saprei quale delle due scegliere anche se la nostra (uguale a quella che ha sostituito la prima versione straniera) ha un significato unico che solo durante la lettura comprenderemo.
Un libro pieno di poesia nella sua brutalità e anche colmo di razionalità e umanità, non intesa quest'ultima come carità d'animo ma come vera e propria istantanea sull'animo umano, a volte leale e gentile, a volte subdolo, terrificante, etc...
Queste quasi 500 pagine mi hanno completamente assorbita, sia per la perfetta descrizione dei personaggi che per l'appassionante vita dei protagonisti. E non c'è solo avventura ovviamente ma anche amore e gelosia.
Un romanzo insomma che va letto, dietro al quale c'è, lo si respira, studio e passione sino all'ultima pagina.
Attendo con ansia il secondo volume; sino ad allora mi accontenterò di questa splendida lettura!

2 commenti:

  1. Bellissima recensione, V! Chissà quando riuscirò a comprarlo T_T

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao C!!! Grazie mille, guarda se riesci inseriscilo subito nelle letture xke merita, é stata una rivelazione! Un raggio di luce nelle pubblicazioni di questo periodo!

      Elimina